Benefici della Vitamina C


La vitamina C, conosciuta anche come acido ascorbico, è un nutriente essenziale che tuttavia non può essere sintetizzato dall’organismo umano e deve essere introdotto o dalla dieta o da integratori. È una vitamina idrosolubile necessaria all’ organismo per sintetizzare il collagene – in grado di rinforzare le ossa, la cartilagine, i muscoli e i vasi sanguigni – necessaria per il corretto funzionamento del sistema immunitario e per favorire l’assorbimento del ferro.
La vitamina C ha molti benefici ed è nota per la sua capacità di agire come agente antiossidante, in grado quindi di rimuovere i radicali liberi, riducendone il danno provocato a livello del genoma. Inoltre, l’utilizzo della vitamina C è stato adottato anche in ambito oncologico, trovando tra i suoi sostenitori più significativi il premio Nobel Linus Pauling e il suo collega Ewan Cameron. La Vitamina C per via endovenosa viene utilizzata da ormai molti anni negli Stati Uniti di America, in Germania, in Svizzera e in Austria.


Vitamina C endovena: la tecnica


La tecnica prevede l'infusione per via endovenosa di flebo di vitamina C ad alte dosi. Con la normale alimentazione si riescono ad assumere mediamente 60mg di vitamina C, mentre durante la terapia vengono iniettati in vena circa 30.000-100.000 mg di Vitamina C. La Tecnica prevede una protezione per la soluzione contentente la vitamina C, in quanto la sostanza è fotosensibile e la luce potrebbe ridurne gli effetti. Proprio per questo motivo, utilizziamo specifici materiali monouso che proteggono la vitamina dall'esposizione luminosa. Il dosaggio della molecola viene stabilito in base al peso e alla problematica specifica del paziente.
Il dosaggio della vitamina C viene individuato singolarmente in base al peso alla problematica specifica del paziente.





Controversie Scientifiche ed Efficacia della vitamina C

Nonostante l’utilizzo della vitamina C per via endovenosa ad alte dosi sia ampiamente diffuso, tale metodica è ancora oggi motivo di divisione nella comunità scientifica. Si può comunque affermare che la vitamina C è stata studiata a lungo e che esistono pubblicazioni scientifiche internazionali che ne attestano l’efficacia e l’utilità in diversi settori della medicina. È importante evidenziare che la vitamina C, non essendo brevettabile, non ha mai trovato il favore dell’industria farmaceutica: infatti, pochi sono stati gli investimenti dato che nessuno poteva vantare interessi su questa sostanza.


Efficacia della vitamina C

Dalle pubblicazioni scientifiche si rileva che la vitamina c è utile nei pazienti con:
- patologia tumorale;
- infezioni (herpes Zoster, mononucleosi, sepsi severa);
- allergie;
Uno studio multicentrico tedesco effettuato su pazienti con tumore al seno ha mostrato che il trattamento con vitamina C endovena insieme alla chemio e radio ha contrastato gli effetti dello stress ossidativo dovuti proprio al trattamento anti-cancro, riuscendo a ridurre gli effetti collaterali e migliorando la qualità di vita delle pazienti durante e dopo il trattamento. Un altro studio scientifico ha dimostrato che la vitamina C endovena ad alto dosaggio dopo i trattamenti anti-tumorali standard ha ridotto i livelli di infiammazione e i livelli di marker tumorali.



Benefici della vitamina C in ambito oncologico

I pazienti affetti da cancro hanno esperienza comune di una sintomatologia legata alla progressione della malattia e agli effetti collaterali della chemio e radioterapia, che hanno un profondo impatto sulla qualità di vita del paziente. La stanchezza è il sintomo più comune e debilitante riportato dai malati oncologici, molto più del dolore. Diversi studi recenti hanno mostrato che la vitamina C endovena riesce ad alleviare la fatica, l’insonnia, la perdita di appetito, la nausea ed il dolore, oltre a migliorare aspetti cognitivi, emozionali e sociali.
Ulteriori trials clinici hanno mostrato che la vitamina C endovena ad alte dosi è sicura e ben tollerata nei pazienti con tumore sia come terapia a se stante sia in combinazione con farmaci chemioterapici. [6] [7]
Quindi concludendo i dati esistenti mostrano una sempre più chiara capacità una sempre più chiara capacità nel migliorare la qualità di vita (la stanchezza, l’insonnia, la perdita di appetito, il dolore, la nausea)[13] [14].
Tale trattamento, nei pazienti affetti da tumore ha mostrato:
- un aumento della qualità di vita (riduzione della stanchezza, del dolore, della nausea, miglioramento del sonno e dell’appetito)[8] [9] [10];
- una migliorata tolleranza alla terapia convenzionale (chemio e radioterapia) [13] [14];


Benefici della vitamina C nelle infezioni e nelle ischemie

La Vitamina C si è dimostrata utile nel ridurre il deterioramento del microcircolo indotto nella sepsi e nel danno d’organo dovuto a ischemia / riperfusione. Questi effetti protettivi contro lo stress ossidativo che si presenta nei casi di sepsi, ustione o nel danno da riperfusione, riducono la lesione e la disfunzione d’organo e favoriscono il recupero dopo la rivascolarizzazione cardiaca.


Studi scientifici

1. Effects of High Doses of Vitamin C
Integr Cancer Ther. 2015 Dec 17. pii: 1534735415622010. [Epub ahead of print] Effects of High Doses of Vitamin C on Cancer Patients in Singapore: Nine Cases. Raymond YC1, Glenda CS2, Meng LK
2. Metabolomic alterations in human cancer cells by vitamin C
Sci Rep. 2015 Sep 9;5:13896. doi: 10.1038/srep13896.
Metabolomic alterations in human cancer cells by vitamin C-induced oxidative stress.
Uetaki M1,2, Tabata S1,2, Nakasuka F1,3, Soga T1,2,3, Tomita M1,2,3.
 3. High-Dose Vitamin C Promotes Regression of Multiple Pulmonary Metastases
Yonsei Med J. 2015 Sep;56(5):1449-52. doi: 10.3349/ymj.2015.56.5.1449.
High-Dose Vitamin C Promotes Regression of Multiple Pulmonary Metastases Originating from Hepatocellular Carcinoma.
Seo MS1,2, Kim JK3, Shim JY4.
4. Intravenous ascorbic acid and hydrogen peroxide in the management of patients with chikungunya
Bol Asoc Med P R. 2015 Jan-Mar;107(1):20-4.
Intravenous ascorbic acid and hydrogen peroxide in the management of patients with chikungunya.
Marcial-Vega V, Idxian Gonzalez-Terron G, Levy TE.
5. The effect of intravenous vitamin C on cancer
Front Oncol. 2014 Oct 16;4:283. doi: 10.3389/fonc.2014.00283. eCollection 2014.
The effect of intravenous vitamin C on cancer- and chemotherapy-related fatigue and quality of life.
Carr AC1, Vissers MC1, Cook JS2.
 6 High-dose intravenous ascorbic acid in patients with advanced cancer
Stephenson CM, Levin RD, Spector T, Lis CG. Phase I clinical trial to evaluate the safety, tolerability, and pharmacokinetics of high-dose intravenous ascorbic acid in patients with advanced cancer. Cancer Chemother Pharmacol (2013) 72(1):139–46.10.1007/s00280-013-2179-9
 7. I.v. ascorbic acid in advanced malignancy
Hoffer LJ, Levine M, Assouline S, Melnychuk D, Padayatty SJ, Rosadiuk K, et al. Phase I clinical trial of i.v. ascorbic acid in advanced malignancy. Ann Oncol (2008) 19(11):1969–74.10.1093/annonc/mdn377
 8. Changes of terminal cancer patients’ health-related quality of life after high dose vitamin C
Yeom CH, Jung GC, Song KJ. Changes of terminal cancer patients’ health-related quality of life after high dose vitamin C administration. J Korean Med Sci (2007) 22(1):7–11.10.3346/jkms.2007.22.1.7
 9. Intravenous vitamin C administration improves quality of life in breast cancer patients
Vollbracht C, Schneider B, Leendert V, Weiss G, Auerbach L, Beuth J. Intravenous vitamin C administration improves quality of life in breast cancer patients during chemo-/radiotherapy and aftercare: results of a retrospective, multicentre, epidemiological cohort study in Germany. In vivo (2011) 25(6):983–90.
 10. High-dose intravenous ascorbic acid in patients with advanced cancer
Stephenson CM, Levin RD, Spector T, Lis CG. Phase I clinical trial to evaluate the safety, tolerability, and pharmacokinetics of high-dose intravenous ascorbic acid in patients with advanced cancer. Cancer Chemother Pharmacol (2013) 72(1):139–46.10.1007/s00280-013-2179-9
11. High-dose intravenous vitamin C improves quality of life in cancer patients
Takahashi H, Mizuno H, Yanagisawa A. High-dose intravenous vitamin C improves quality of life in cancer patients. Personalized Med Universe (2012)
2(1):49–53.10.1016/j.pmu.2012.05.008
 12. Intravenous Vitamin C and Cancer
Integr Cancer Ther. 2014 May 26;13(4):280-300.
Intravenous Vitamin C and Cancer: A Systematic Review.
Fritz H1, Flower G2, Weeks L2, Cooley K3, Callachan M1, McGowan J1, Skidmore B1, Kirchner L4, Seely D5.
 13. Relief from cancer chemotherapy side effects with pharmacologic vitamin C
Carr AC, Vissers MC, Cook J. Relief from cancer chemotherapy side effects with pharmacologic vitamin C. NZ Med J (2014) 127(1388):66–70.
 14. Parenteral vitamin C for palliative care of terminal cancer patients
Carr AC, Vissers MCM, Cook J. Parenteral vitamin C for palliative care of terminal cancer patients. NZ Med J (2014) 127(1396):84–6.
15. Effect of high dose vitamin C on Epstein-Barr viral infection
Med Sci Monit. 2014 May 3;20:725-32. doi: 10.12659/MSM.890423.
Effect of high dose vitamin C on Epstein-Barr viral infection.
Mikirova N1, Hunninghake R1.
16. Intravenous ascorbic acid in patients with severe sepsis
J Transl Med. 2014 Jan 31;12:32. doi: 10.1186/1479-5876-12-32.
Phase I safety trial of intravenous ascorbic acid in patients with severe sepsis.
Fowler AA 3rd1, Syed AA, Knowlson S, Sculthorpe R, Farthing D, DeWilde C, Farthing CA, Larus TL, Martin E, Brophy DF, Gupta S; Medical Respiratory
Intensive Care Unit Nursing, Fisher BJ, Natarajan R.
17. Intravenous administration of vitamin C in the treatment of herpetic neuralgia
Med Sci Monit. 2010 May;16(5):CS58-61.
Intravenous administration of vitamin C in the treatment of herpetic neuralgia: two case reports.
Schencking M1, Sandholzer H, Frese T.
18. Intravenous infusion of ascorbic acid decreases serum histamine
Naunyn Schmiedebergs Arch Pharmacol. 2013 Sep;386(9):789-93. doi: 10.1007/s00210-013-0880-1. Epub 2013 May 11.
Intravenous infusion of ascorbic acid decreases serum histamine concentrations in patients with allergic and non-allergic diseases.
Hagel AF1, Layritz CM, Hagel WH, Hagel HJ, Hagel E, Dauth W, Kressel J, Regnet T, Rosenberg A, Neurath MF, Molderings GJ, Raithel M.